Spazio ARS

Arte alla ricerca del Sè

SETTIMANE dell’Arte alla Baitina del Parco Altomilanese

Esperienze estive in Natura per bambini e ragazzi 

Arte, Musica, Movimento e Teatro

Outdoor Education con le Artiterapie

Le recenti Linee guida emanate dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri individuano negli “spazi aperti” il contesto ideale per sviluppare le offerte estive che prevedono l’esercizio del Diritto al Gioco e alla Socialità tra pari.

Premessa

In particolare sono favorite le sperimentazioni relative all’ ”Outdooor education”, con proposte innovative realizzate in Parchi e giardini.

In quest’orizzonte il Parco Altomilanese si evidenzia tra le migliori risorse del territorio per offrire un ambiente dove coltivare il Benessere dei minori con proposte di qualità dal punto di vista dell’attenzione a:

  1. contenuti offerti
  2. sicurezza secondo le norme vigenti 
  3. logistica per l’offerta dei Servizi alle famiglie nell’ottica della conciliazione lavoro/famiglia
  4. professionalità degli operatori
  5. sostenibilità ecologica ed economica dell’offerta

Per realizzare una proposta di Outdoor Education che realizzi questi obiettivi è ideale creare una “rete di lavoro” che preveda la collaborazione di Consorzio Parco Altomilanese, Coop sociale Circolo Fratellanza e Pace e associazione culturale Spazio Ars di Legnano ed eventuali altre realtà del Terzo settore che possano contribuire concretamente con le loro competenze.

Con il ritorno alle attività “extradomestiche”, con la conclusione della “didattica a distanza”

e con il rientro lavorativo di molti genitori sarà necessario offrire Servizi di utilità sociale alla popolazione. Le famiglie avranno bisogno di spazi il più possibile sicuri e di organizzazioni serie a cui affidare i propri figli. I bambini avranno un enorme bisogno di ambienti divertenti in cui ricostruire le relazioni sociali e ricominciare a fare esperienze concrete, sensoriali, alla luce del sole.

Il progetto che attualmente strutturiamo si fonda operativamente  su tre pilastri:

  1. princìpi delle Artiterapie che lavorano sul versante dell’espressione finalizzata al benessere della Persona;
  2. la valorizzazione delle risorse naturali offerte e tutelate dal parco Altomilanese;
  3. il rispetto delle normative vigenti in tema di offerta dei servizi alle famiglie in condizioni di protezione dei minori, dei loro familiari e degli operatori. Le indicazioni a cui faremo riferimento sono quelle attuali inserite nelle LINEE GUIDA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA DI OPPORTUNITA’ DI SOCIALITA’ E GIOCO PER BAMBINI ED ADOLESCENTI NELLA FASE 2 DELL’EMERGENZA COVID-19 emanate dal Dipartimento per le politiche della famiglia – Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 15 maggio 2020.

Se nel corso del tempo verranno modificate le normative sarà nostra cura adeguare il progetto e interromperlo qualora non si potessero garantire gli standard richiesti per la sicurezza.

Modalità

Le “Settimane dell’Arte alla Baitina” sono ideate come esperienze immersive in un ambiente accogliente e predisposto per offrire un contesto che faciliti l’espressione dei bambini e dei ragazzi e favorisca la curiosità per la conoscenza del Mondo Interiore e del Mondo Naturale, attraverso attività di laboratorio e sperimentazione diretta e concreta delle possibilità della MATERIA, sia essa artistica, naturale o umana. 

Al centro dell’esperienza sarà la Cura per i ragazzi e quell’opera di sintesi tra Arte e Scienza al servizio dello Spirito Creativo, di ciascuno e di tutti.

Nello svolgimento delle attività i ragazzi saranno incoraggiati a coltivare la propria IMMAGINAZIONE, come possibilità di esprimere il mondo delle emozioni che si muovono dentro “come lava”, di “vedere” soluzioni che ancora non esistono, di espandere i propri confini sperimentando in maniera diretta guidata ma non giudicata dall’adulto.

E tutto questo è reso più facile e possibile dal divertimento, dal gioco, che permette di sentirsi liberi di PENSARE e di AGIRE.

“La Magia è immaginazione, è la mediazione tra ciò che si conosce e ciò che non si conosce ancora.”

Ponendo l’accento sull’IMMAGINARIO potremo giocare con le idee di Magia e Incanto cercandoli in questi giorni da trascorrere insieme.

Giocare proprio in questo momento storico con il tema della Magia in mezzo alla Natura sarà un modo per allenarci ad accogliere il mistero (ciò che non si conosce) e avere fiducia nelle nostre energie Creative. Tutto ciò immersi nella Natura del bosco che è per antonomasia il luogo del Mistero, nei miti, nelle fiabe, nell’immaginario collettivo.

Inventeremo “incantesimi” che permettano alla fantasia di esprimere il suo massimo potenziale, attraverso la conduzione nel mondo delle immagini, della musica, dei suoni, dei movimenti, delle luci e delle ombre, attraverso il lavoro delle mani che scolpiscono, dipingono, modellano… tutto con la guida e la facilitazione di esperti del settore espressivo nelle varie discipline delle artiterapia e tutto in forma laboratoriale.

L’insieme di tutte le Opere, nate nel corso delle esperienze verrà a comporre per ciascun partecipante un ALBERO DEGLI INCANTESIMI: una macro-opera che raccolga e armonizzi tutte le sperimentazioni e possa essere per ogni bambino un oggetto “protettivo”, “stabile”, “vivo” a simbolo della Crescita.

I ragazzi sarranno quotidianamente immersi nel verde del Parco, circondati dagli alberi e dagli animali, con le mani sempre intente a lavorare tra colori, movimenti, suoni, terra, foglie e legno.

Partecipanti

Saranno invitati a partecipare bambini e ragazzi in piccoli gruppi (vedi p. 14 delle Linee Guida)

Da 6 a 11 anni: max 7 bambini.

Da 12 a 17 anni: max 10 ragazzi.

Ogni settimana verranno attivati 2 gruppi indipendenti e distanziati tra loro in base al numero dei partecipanti e comunque mai superiore a  15 a settimana. 

I

Possiamo  immaginare di sviluppare la proposta da lunedì 29 giugno  a venerdì 24 luglio + da lunedì 7 a venerdì 11 settembre.

Da lunedi a venerdì dalle 8.30 alle 17.00. La scelta di coprire un’ampia fascia oraria è dettata dal desiderio di essere un concreto supporto alle famiglie lavoratrici e di essere uno spazio quotidiano significativo per i bambini partecipanti.

La scansione delle singole giornate potrebbe prevedere dei momenti rituali e comunque flessibili:

8.30-9.00 accoglienza con orari scaglionati di almeno 5 minuti, in un luogo predefinito, all’aperto, esternamente all’area di attività dei ragazzi. Successivo rituale del “lavaggio delle mani”.

9.00-10.45 Laboratorio “chiave” della giornata: un’esperienza nel campo dell’Arte (laboratorio d’ d’Arte Visiva, Musica, Movimento, Teatro) o della Natura che caratterizzerà l’intera giornata inquadrando l’ ”oggetto” della ricerca creativa del giorno.

10.45-11.00 Merenda 

11.00-12.00 Esplorazione in Natura con passeggiata nel Parco

12.00-12.30 riordino e pulizia

12.30-13.30 pausa pranzo

13.30-14.30 relax all’ombra degli alberi con proposte destrutturate (angolo dei libri, costruzioni, giochi, perline, piccolo laboratorio scientifico libero, piccolo laboratorio artistico libero, riposo, musica)

14.30-16.00 Laboratorio Espressivo o Scientifico naturalistico

16.00-16.30 Merenda e relax

16.30-17 riordino, pulizia e preparazione all’uscita dal Parco

17.00-17.30 pulizia dei materiali con detergente neutro (vedi p.15 Linee guida) e allestimento per giornata successiva

Operatori

Gli operatori comporranno una squadra scelta in base alle loro qualifiche in campo artistico, educativo, didattico, naturalistico escientifico:

  1. professionisti delle Artiterapie (Arteterapeuti, Drammaterapeuti, Musicoterapeuti, Danza-movimentoterapeuti) 
  2. figure affini nel campo della ricerca del benessere attraverso i linguaggi artistici ed espressivi  
  3. professionisti in campo Naturalistico per valorizzare al meglio le qualità dell’ambiente e dell’ecosistema che connota il Parco Altomilanese.

I professionisti coinvolti saranno tutti operatori con maturata esperienza nella gestione di gruppi ed in particolare gruppi di minori.

Ogni operatore avrà un unico gruppo di bambini di riferimento ogni settimana.

Una sola di operatori sarà attribuita a ciascun gruppo partecipante  e i due operatori si alterneranno nei momenti della giornata per garantire il massimo della stabilità e della tranquillità nella relazione (ogni operatore svolgerà un massimo di 5 ore a giornata). 

Misure di igiene e sicurezza

Igiene

  1. Pulizia approfondita e frequente, almeno quotidiana con detergente neutro dei materiali e delle attrezzature usati dai bambini (pennelli, pennarelli, costruzioni ecc…)
  2. frequente lavaggio delle mani con acqua e sapone e/o gel igienizzante idroalcolico e comunque in concomitanza di:
  • arrivo dei partecipanti e dei conduttori
  • cambio di attività
  • prima e dopo l’utilizzo dei servizi igienici
  • prima e dopo il consumo dei pasti
  • alla conclusione pomeridiana delle attivita 
  • ogni volta se ne riscontri il bisogno
  1. ingresso ed uscita dei minori normata con orari scaglionati e sempre svolta in spazi aperti in un’area definita per evitare ogni possibile forma di assembramento

Sicurezza

  1. Formazione di tutti gli operatori sia professionale che volontario) in tema di prevenzione del Covid-19
  2. Richiesta di compilazione di autocertificazione da parte delle famiglie per l’assunzione di responsabilità (con eventuale dichiarazione dello stato di buona salute del pediatra di libera scelta solo se espressamente richiesto dalla normativa).
  3. Tutela del distanziamento fisico attraverso la progettazione di attività idonee e la supervisione degli operatori. Attenzione all’uso corretto delle mascherine.
  4. attuazione della PROCEDURA DI TRIAGE che prevede:

– richiesta agli accompagnatori di dichiarare eventuali stati febbrili, tosse o altri malesseri  riconducibili a possibile infezione

– rilevazione della temperatura corporea (con mani e strumento igienizzati ad ogni utilizzo)

  1. sopralluogo degli spazi con tutti gli operatori ed eventiali volontari per rendere più sicura e consapevole la gestione delle prassi e delle risorse.
  2. ogni gruppo definito di bambini avrà 2 operatori di riferimento fissi che si alterneranno nei momenti della giornata alfine di proteggere dalla possibilità di eventuale contagio e garantendo eventualmente la massima rapidità di tracciamento. .
  3. Saranno previste figure di operatori che possano sostituire i colleghi in caso di malattia e in tal caso gli operatori saranno tenuti a contattare i propri medici di medicina generale, la Coop Circolo Fratellanza e Pace e l’associazione Spazio Ars 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: